mercoledì 17 settembre 2014

...Go Further - Gaurishankar 2013

..Go Further..You have to know how to speak to the mountain

in the extreme places of the globe, the voice of Nature (elements) speaks to you
"In the great deserts of stone, there is a strange business:
the vortex of life for the infinite peace of the Soul"
Flashes of light, memories of people ... The sacredness of these places was everywhere.
on the Earth, on the bare rock, among the eternal snows, in men, 
Where Life touches the sky beyond the doors of the Soul, a single witness, yourself. 

 - Davide Peluzzi

Trailer del documentario "Le Acque degli Dei" Gaurishankar 2013 dell'EXPLORA NUNAAT International.Riprese effettuate sul Gran Sasso-Groenlandia e Himalaya.
Racconto e intervista ad Anu Sherpa a Namche Bazar, membro della spedizione all'Everest, prima salita Italiana, guidata da Monzino G. - Everest 1973.
Con la collaborazione di Mario Brigando.
Spedizione esplorativa alpinistica e umanitaria nella regione del Rolwaling.
Una filosofia...go Further..Oltre le Terre estreme...
L'Explora si avvale e collabora con  Thin Agency, professionisti delle immagini... "Oltre.."  


EXPLORA Team : Davide Peluzzi, Giorgio Marinelli, Paolo Trentini, Roberto Da Porto, Luca Natali , Marco Di Marcello e l'ingegnere Alfredo Altitonante.
Supporto in Italia  EXPLORA TEAM - 

Si ringraziano:
il Governo del Nepal , la Presidenza della Repubblica Italiana, il Consiglio Regionale della Lombardia, la Presidenza del Consiglio Regionale Abruzzo , il Vittoriale degli Italiani, l'Ente Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, la SRDC di Kathmandu, la ONG Help Nepal.
 INTERMATICA , la Mico Sport ,
il CIRCOLO POLARE di MILANO, L'Età Verde ,BIO-APTA , l'agenzia AMAX Viaggi, JMOTION , PLUS+ULTRA comunicazione .
Un grazie particolare a tutte le persone che con piccoli gesti  e donazioni condividono la missione Gaurishankar 2013.
Grazie a l'editore EXPLORERSWEB Team per la professionalità ed amicizia.

lunedì 1 settembre 2014

The lost Mountain - Rolwaling Himal

Meeting a Na Village 4180 m con Mingma G. Sherpa e Phurba T.Sherpa.

Rolwaling Mountain  - frontier exploration

"The walls hidden …Bomdok”

 The word Rolwaling comes from tibetan language and it means “  deep valley” o “ narrow valley”, holy valley dedicated to the saint Buddhist Rimpoche.
(All the routes start from the village of Singati at 920 meters of altitude. The main valley is oriented  towards est-west.)
In 1951, when  Eric Shipton and his team, during the explorations of the Nepales side of the EVEREST-GUARISHANKAR,   occurred the first exploration of the region Rolwaling Himal.

Shipton wrote:
This way of going to the mountains, the exploration of unknown peaks, glaciers and valleys, finding and going across new paths that connect a valley to another, is  the most fascinating employment that I have ever known.”
“  The variety of experiences, the constant change of scene, the gradual explanation of the scenery of the mountain give a deep satisfaction, giving a real understanding, almost a sense of personal ownership of the entire region.”

The last sixty years did not change the meaning of Shipton’s words, in so doing they make better sense of this Himalayan region…
Fascinating for the solitude and sense of remoteness and wild, it is for sure one the most beautiful places that  you can cross in Himalaya.

The strength of its appeal lies in its atmosphere, views and in the sense of adventure that you can live, like advancing into the Drolambau glacier and crossing  Tesi Lapacha at 575o meters or Ripimo glacier, with the impressive wall of Tsoboje 6589 meters, one the unclimbed  peaks of the region.
Or trying to climb Bigphera-Go Shar at 6729 meters and with its Bigwall glacier on the north side, connected to Bigphera-Go Nup  in front of Tengi Rau Tau 6943 meters.

We are  in the north est of Kathmandu in the Everest region, with its complex labyrinth of mountain ranges, at est of Guarishankar, on the Tibetan border line, develops an interesting area of peaks of over 6000 meters still virgin. Only four of them have been climbed, we are in the belly of the Gods, in the place of birth of the Mother Goddess: Tashi Lapcha.

After  the exspedition Earth Mater 2011 – EXPLORA, in autumn 2013( Expedition Water of the Gods) we  went into a large anphitheatre  between Kangnakugo 6735 meters, Drakar Go 6793 meters and Melungtshe ( Jobo Garu) 7181 meters, with the purpose of photographing the superb surrounding peaks,  just like Shipton in 1951, with the intent   and agreement  with the people Sherpa of the valley, rappresented by his friend and great mountaineer  Mingma G. Sherpa.

We collected a request for help:” Rolwaling is dying, each year the number of persons is reduced, to reach Katmandu or Singapore or China and with the abandonment of territories also our ancient culture”.
With Mingma G.Sherpa of Dreamers Destination, the SRDC of Katmandu, we ( Explora Nunaat International)  have signed an agreement to undertake structal and cultural sustainable for the rebirth of the valley. A path similar to the Khumbu valley, an eco friendly project to improve the living conditions of the inhabitants.

To begin with the first aim, create a Museum on School Culture and winsdom of the Sherpas and a school of Climbing for the younger generation, transferring knowledge and promoting the dissemination through publications of articles, books, conferences and video-quality documentaries, sharing through new technologies APP satellite "beauty" of the places and people of the Valley "Hidden".

The program in agreement with the Government of Nepal provides as already made ​​in the '80s by the Nepalese and international bodies, and have seen the exponential growth of tourism in the neighboring region of Khumbu, the actions in solidarity with the Sherpa population, reversing the route of depopulation. Suffice it to say that the Rolwaling in the 90s had been forbidden to Westerners and even today, as it is still not released the simple trekking permit, or to access it must have required a permit for only the ascension of Ramdung or Parchamo. The Explora International Nunaat through local organizations is committed to bring about change and improvement of living conditions leading into the valley.
For the second year we have obtained permission to explore the area around the mountain and Ramdung Parchamo in 2011, while in 2013 the permit provided for the much less explored area of Bomdok.

In years past in the first decade of 2000, Joe Puryear (who died on a mountain with no name of Tibet) and David Gottlieb made ​​the first ascents of Kangnakugo and Takar-Go. Last year Mingma G.Sherpa and his team made ​​the first ascent of 6257 meters and Ceki-Go to the end of October this year, while we were on the team Explora Village of Beding 3693 meters, Phurba Sherpa Mingma and then carried out the first ascent of Bamon-Go 6400 meters. We met them as agreements made earlier in the village of Na, at 4180 meters, where we conducted a meeting and interview at the foot of "their" mountain.(FOTO)

After being greeted Destination Dreamers with friends the next day and celebrated their achievement of climbing, we leave behind the village of Na and begin our climb to the high camp at 4800 meters, in the vast and icy glacial valley called by the locals Bomdok, on the right bank of the glacier Ripimo with a beautiful mountain in the center not named on the maps (not to be found in the Nepalese government offices) called by the locals Riki-Go. As said by Dorzie Sherpa (guide at rest and father of Mingma), this mountain rises from the sacred lake Tsho to Oma 4800metri, the lake that "Sing".

A beautiful stretch of water cobalt blue nestled between granite giants, the inhabitants of Beding recommend us to leave a gift to the gods and to bring maximum respect to the shrine to their fathers.
We begin the exploration of the area trying to find the way to climb the mountain more accessible not named on the maps, called by the locals Rikigo.
We document photographically all the great walls and surrounding peaks and obligations. We are on the Tibetan border. New frontier of alpinism
Himalayan: BOMDOK. We set up our camp as scheduled on the shore of the frozen lake and sacred Oma Tsho to 4800 meters.
After facing a cold night in a tent with temperatures approaching -20 degrees, the next morning after we woke up we decided to climb to higher altitudes. In the following days, I - David Peluzzi, together with Giorgio Marinelli and Marco di  Marcello - with two high altitude porters, and Ragiu Tamang,  Sucram   Tamang, we reach the high camp at an altitude of 5300 m asl Bomdok. Very steep and icy, characteristic of the mountains of Rolwaling is to be cold and vertical. In fact, considering that only 3600 meters in the vicinity of beding, both in spring and autumn are the impressive waterfalls of ice. (FOTO)
A wonderful amphitheater of peaks and untouched for almost the totality around us.
Over 5000 meters thin air, low temperatures, begin to affect the vital values
​​as well you know ... the main rule and 'to not disperse beyond the limits allowed bodily fluids, the main risk for migraine acute mountain. Daytime temperatures were around minus five degrees at night and down to -20 (minus twenty) degrees.

Thanks to the special permit for the exploration of the area as it was considered sacred and mystic We forwarded with greater sensitivity and respect trai eternal ice of the Himalayas.

We reach the altitude of 5700 m asl (see attached picture) with high winds and icy (jet stream) that prevent the stay at high altitude for a long time. We are able to identify some access roads and strive to climb to the summit at an altitude of 5980 m .... a fantastic viewpoint on other mountains, an ideal set-photo. We stopped at a few hundred meters because of the strong winds from the south. Winds over 100 mph.

Reluctantly we decided to go down to the field and wait for the intermediate subside the jetstream. Expect a few days but the weather does not change. Our task exploration and documentation with photos and videos of the area was completed as promised Nepal Mountaineering Association, of beding. Now, we could go down to lower altitudes.
As we approach the field Bondok, Call the satellite to our meteorologist Roberto Madrigali in Italy that warns us of an impending weather change with the arrival of a small perturbation and with more winds from the south. We are at the end of November and winter is knocking at the door.

 In the following days we will reach Paolo Trentini, Luca Natali and Prof. Roberto da Porto with the rest of the carriers, continuing the study and hyperoxic genetics.

It should be remembered that in the group of porters were two girls bearers, Sita and Asica, featuring a fortitude and a high threshold of pain tolerance, but always smiling and kindness female Nepalese women. They too are part of the team at high altitude to almost 5000 meters.
Going back down to 4800 meters of base camp, in the following days we explore the glacier Ripimo to the Mount Takar-Go.

We continue the documentation video / photo of the large area in the following days with the idea of ​​creating a project to develop eco-friendly as anticipated and agreed with the Dreamers Destination on beding -Na .

Photo Walls:  

                1) North Tsoboje - 6589 m
                2 ) West wall of an unnamed peak to the north - Tsoboje . 6662 m
                3 ) Wall North East of Kang Nakugo - 6735 m
                4) Wall north west of Takargo - 6793 m
                5 ) South wall of an unnamed mountain in the north  Kangnakugo on the Tibetan  border 6036 m
                6) Bigwall dell'anticima of Kangnakugo - 6381 m
                7) North wall of Chuikyma -Go
                8) Walls east of Cekigo Bamongo 6257 and 6400 m -
                9) East Wall of Tabyabyum - 5555 m
               10) East wall of the Jomo Tsernigma - Gaurishankar - 7146 m
The walls hidden Bomdok,
               12 ) Wall on the Kangnakugo - 6735 m
               13 ) Wall north west of Bigphera -Go Shar 6730 m
               14) South wall of Tengi Ragi Tau 6943 m
               15) Drangnag -Ri 6801 m
               16) Ridge South - North Riki - Go 5981 m
               17) Melungtze – Jomo Garu – 7181 m
               18) Parchamo – 6273 m
               19) Panayo Tippa 6696 m
               20)  Unnamed Peak – 6692 m
An interesting comparison, some pictures taken in the early '50s with the expeditions led by Eric Shipton confronted with the images of 2011 and 2013.

A 'mountain adventure that includes a journey through a remote valley, climb a virgin peak in wilderness setting of complete and has concluded through a new region is definitely exciting, making only the' "adventure" that fully reflect the sentiments expressed by Eric Shipton in the early '50s.

Davide Peluzzi


Translate Stefania Malizia


martedì 29 luglio 2014

AMICI della Groenlandia...verso nuovi orizzonti

Roma 25 Luglio - Meeting di lavoro per i nuovi progetti e sviluppi delle attività 2015 degli Amici della Groenlandia (
Come già indicato dal caro Wladimiro Bombacci ,uniremo l'Artico e il terzo Polo , cioè l'Himalaya, nelle nostre attività di ricerca e divulgazione della conoscenza dei luoghi estremi.
Splendida giornata trascorsa nella sede degli Amici della Groenlandia con Marisa Corsini-Bombacci, Elisabetta Bombacci, Giorgio Antonio Marinelli e Davide Peluzzi.

Le idee e i sogni a "volte" si avverano...
info su : oppure su :
 — presso Roma, Italia.

venerdì 30 maggio 2014

sabato 19 aprile 2014


... TODAY IS A VERY SAD DAY for the Sherpa community and all climbers in the world. I would like to bring my message of prayer and closeness to the families of the deceased. These events in their sadness I reinforce the idea that we need even more to complete our projects in the Region of Rolwaling, to save lives and find everything to make work that is not the only mountain guide. The museum and all the cultural activities are of primary importance.


martedì 21 gennaio 2014


EXPLORA News : AIUTI UMANITARI in HIMALAYA ..."We live for once so we want to live our life in better way not in dark"... Mingma Sherpa - Una lampada per Beding -  info :

Avventura e Ricerca

Avventura e Ricerca
Il progetto AvventurArtico nasce dall'idea di un gruppo ESPLORATORI Davide Peluzzi , Maurizio Felici e Giorgio Marinelli, da oltre 20 anni appassionati e studiosi del mondo Artico ..... "Tutti gli uomini sognano. Non però allo stesso modo. Quelli che sognano di notte nei polverosi recessi della mente si svegliano al mattino per scoprire che il sogno è vano. Ma quelli che sognano di giorno sono uomini pericolosi, giacchè ad essi è dato vivere i sogni ad occhi aperti e far che si avverino". - Thomas Edward Lawrence INFO Clik su logo Associazione Amici della Groenlandia fondata nel 1981 dall'amico Wladimiro Bombacci , grazie a uomini come lui che oggi in Italia ed Europa conosciamo il mondo Artico groenlandese. Grazie Wladimiro. The project is the brainchild of a group AvventurArtico EXPLORERS Davide Peluzzi, Maurizio Felici and Giorgio Marinelli, more than 20 years Arctic enthusiasts and scholars of the world ..... "All men dream. But not in the same way. Those who dream by night in the dusty recesses of the mind wake in the morning to discover that the dream is in vain. But those who dream by day are dangerous men, since they happen to live in dreams with open eyes and make it come true. "- Thomas Edward Lawrence INFO ------------ --- Clik on the logo of the Greenland Friends Association founded in 1981 by his Wladimiro Bombacci, thanks to men like him today in Italy and Europe know about the world Arctic Greenland. thanks Wladimiro . "Ho imparato a essere felice là dove sono. Ho imparato che ogni momento di ogni singolo giorno racchiude tutta la gioia, tutta la pace, tutti i fili di quella trama che chiamiamo vita. Il significato è riposto in ogni istante. non c'è un altro modo per trovarlo. Percepiamo solo e soltanto ciò che permettiamo a noi stessi di percepire, tutti i giorni, un istante dopo l'altro". (H. Hesse)

ExPlora Team

Dopo anni di progetti, ricerche, interazioni umane e dopo ricevuto una gradita lettera di risposta dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, sulla necessità di "pacificare" il mondo tramite la conoscenza della natura, per mezzo della trasmissione e condivisione del sapere tra gli individui, alla fine dell'anno 2007 è maturata l'idea di un grande progetto. Tramite la riunione di un "gruppo di amici", ricercatori della conoscenza umana, si è avverato un sogno: la nascita del gruppo di ricerca denominato Ex Plora Perigeo.

Esso ha lo scopo di apprendere e diffondere, tramite le individuali esperienze, la conoscenza del sapere umano.

Questa è la sfida
Il nostro scopo?
La condivisione e la conoscenza delle aree selvagge del Pianeta Terra. Attraverso lo studio dei Popoli"Estremi", messaggeri della vita sul pianeta.
Grandi spazi quali l'Artico, l'Himalaia, le Ande, l'Antartide e l'Africa saranno i "NOSTRI" luoghi di ricerca : LE TERRE ESTREME. Nel 2010 ci :
recheremo in Himalaya..Alla ricerca della Tibù Perduta. Progetto esplorativo , umanitario, nelle valli remote dell'Himalaya, del Ganesh Himal e Rolwaling 2011.

Gaurisankar Project : Alla ricerca delle tracce del Timù
by Peluzzi Davide - Felici Maurizio.

Tel . 347 4439287

e-mail :

e Peluzzi

Ass. L'Età Verde, XXXV Incontro Internazionale Macroproblemi 2010

Ass. L'Età Verde, XXXV Incontro Internazionale Macroproblemi 2010
La Prof Augusta Busico , PRESIDENTE DELL'ASS. L' ETA' VERDE. All' ARA PACIS Roma, il Progetto Pietre e Popoli - Da Pescara al Gran Sasso d'Italia. ICS "Il filo d'Arianna": Davide Peluzzi, Prof. Augusta Busico, Mons. Gian Giulio Radivo. A breve su Esplora Tv ,un nuovo Mass-Media per la divulgazione della conoscenza nelle aree estreme della Terra. Perigeo Ex-Plora : "Parlo della invenzione di una vita disperata contro la morte e di là dalla morte. Quei combattenti inventavano d'attimo in attimo i loro gesti i loro passi i loro impeti i loro schermi, con un senso istantaneamente plastico del suolo, della roccia, della valle, del monte, del pendìo, del precipizio." Gabriele D'Annunzio

Earth Mater vs Il Vittoriale degli Italiani

Earth Mater vs Il Vittoriale degli Italiani
3 lUGLIO 2011 AL VITTORIALE DEGLI ITALIANI , il Presidente Giordano Bruno Guerri presenta la Earth Mater attraverso il simbolismo primordiale del Progetto Pietre e Popoli..una pietra del Vittoriale in Himalaya .. “Ove la pietra è figlia della luce e sostanza dell'aere è il pensiere” (Gabriele d’Annunzio, Alcyone, Il fanciullo)

Earth Mater Expedition 2011 - RINGRAZIAMENTI

Earth Mater Expedition 2011 -  RINGRAZIAMENTI
EARTH MATER EXPEDITION 2011 - ROLWALING/HIMALAYA Scienza ed Esplorazioni, RINGRAZIA LA DITTA MICO SPORT , la LASCOD spa, Stefano Cappelloni della GIANOS, la MARCHAND COMPANY di Francesco Rinaldi & Soci.Nell'Immagine il Dott. Paolo Trentini e Davide Peluzzi durante il prelievo delle impronte orali per lo studio di genetica, studio sulle popolazione di etnia mongola ( Prof. Donata Luiselli - Universutà di Bologna).The components of "Earth Mater 2011," in addition to the technical staff are Davide Peluzzi, expedition leader, Gianluca Frinchillucci, scientific director, Maurizio Serafini, responsible for connecting Earth Mater, Maurizio Felici, alpen guide, Giorgio Marinelli, president Perigee, Pancha Tamang, guide Himalayan Chandra Bhadur Gurung, Himalayan guides, Paolo Trentini, medical, rescue Federico Spada, Roberto Ferrante, MD, Biagio Mengoli, mountain rescue and Paolo De Laurentiis mountain guide and the guide Mingmar Tamang.,. Italy Team: Senator Paolo Tancredi, Director Institutional Perigeo, Roberto Madrigali, meteorologist, Alessandro Pini, an expert in nutrition, Laura Bacalini, Perigeo International, Marija Hezeg, Perigeo International, Augusta Busico, Prime Minister's Office and Giordano Bruno Guerri - PRESIDENT OF VITTORIALE . Supported by the Regional Council of Abruzzo and CAI Teramo and L'Aquila. Technical Sponsor MICO Sports, sponsor Explora videos LPM via TV. Thanks to the technical components of an electrician Gianni Simone.I I componenti di "Earth Mater 2011", oltre allo staff tecnico sono Davide Peluzzi, capo spedizione, Gianluca Frinchillucci, direttore scientifico, Maurizio Serafini, responsabile collegamento Earth Mater, Maurizio Felici, guida alipina, Giorgio Marinelli, presidente Perigeo, Pancha Tamang, guida Himalayana, Chandra Bhadur Gurung, guida Himalayana, Paolo Trentini, medico, Federico Spada soccorso alpino, Roberto Ferrante, medico, Biagio Mengoli, soccorso alpino e Paolo De Laurentiis guida alpina e la guida Mingmar Tamang.,. Team Italia: Senatore Paolo Tancredi, Responsabile istituzionale Perigeo, Roberto Madrigali, metereologo, Alessandro Pini, esperto in alimentazione, Laura Bacalini, Perigeo International, Marija Hezeg, Perigeo Internazional, Augusta Busico, Presidenza Consiglio dei Ministri e Giordano Bruno Guerri - PRESIDENTE DEL VITTORIALE. Con il Patrocinio del Consiglio Regionale ABRUZZO e del CAI TERAMO e L'Aquila. Sponsor Tecnico MICO Sport , sponsor video LPM tramite EXPLORA TV . Un grazie al tecnico -elettricista Gianni di Simone."Tutti gli uomini sognano. Non però allo stesso modo. Quelli che sognano di notte nei polverosi recessi della mente si svegliano al mattino per scoprire che il sogno è vano. Ma quelli che sognano di giorno sono uomini pericolosi, giacchè ad essi è dato vivere i sogni ad occhi aperti e far che si avverino". - Thomas Edward Lawrence - Himalayan expedition in memory of Franco Varrassi.Dedicated to all those men and women, called "adventurers of the future" to the lands extreme uncertainties. Spedizione Himalayana in memoria di Franco Varrassi.Dedicata a tutti coloro: uomini e donne, definiti "avventurieri del futuro" verso le terre estreme incognite: EARTH MATER EXPEDITION 2010/11 ROLWALING Davide Peluzzi

Sponsor Ufficiale della Earth Mater 2010 - MICO

Sponsor Ufficiale della Earth Mater 2010 - MICO
Leader nell'abbigliamento Sportivo di alta qualità : dal running agli sport estremi . Mico Beta Tester Davide Peluzzi


MICO SPORT Sponsor Tecnico della spedizione Alpinistico-Esplorativa Extreme Human..Na - Rolwaling - Himalaya 2011 - Scala Altimetrica della Rolwaling e Parchamo Peak 6272 m. Alcune foto della magica Rolwaling. Spedizione: Italo-Nepalese-Americana 2003 Pamonrì 6.400 m.Himalaya. Foto di Maurizio Felici


Rolwaling - Kumbu: 151 Km e 9969 m di dislivello

Portatori- Nepal Himalaya

Portatori- Nepal Himalaya
Saxum 2008 East Greenland versus. Earth Mater 2011 Himalaya.Grande lavoro dei portatori Tamang, ragazzi , uomini dalla tempra fortissima.Uno sguardo del nostro "amico" Bobcat . Grazie a te a tutti i ragazzi della Earth Mater.

Sestriere - Casa Olimpia - Pietre e Popoli

Sestriere - Casa Olimpia - Pietre e Popoli
Gabriella Massa Madrina della Saxum Expedition

AIUTA EXPLORA : info - EX-PLORA NUNAAT C.F.92036700679

AIUTA EXPLORA :  info -  EX-PLORA NUNAAT  C.F.92036700679
"Diventa ciò che sei"

Pietre e Popoli

Progetto: “Pietre e Popoli” 2010 anno VI

Era l’anno 2004 nascita del progetto “Pietre e Popoli”, poi il 2005…2006 la Groenlandia nord orientale sulla montagna “senza Nome” .

Un gesto primordiale di “unione e Pace tra i popoli”, là dove la terra tocca il cielo…

Sulla cima della vetta orientale del Gran Sasso si “riunirono” nel luglio 2005, il monte Bianco , l’Etna e il Vatnajokull (Islanda) con un semplice gesto: la donazione di una pietra con sopra inciso : "...Ove la Pietra è figlia della Luce.." Il Fanciullo - Gabriele D'Annunzio.

Poi nel 2006 seguirono il Cerro Torre – Patagonia, l’Everest-Nepal, montagne del Guatemala, del Bangladesch, le isole Far Oer .

I monti e la Terra dominano il nostro immaginario umano e metafisico. Simboli di valori inscindibili con la Vita.

Nella storia dell’uomo ci sono periodi in cui si ragiona sulla montagna con più ardore, come se si volesse utilizzare come metro per misurare lo stato di salute del Mondo e del genere umano.

Il 2007-2008 Anno Internazionale Polare è uno di quei periodi legati sia nel bene che nel male alla ricerca e conservazione della Terra come necessità primaria per la qualità della vita e per la sopravvivenza, ma il Mondo nonostante l’uomo, continuerà a vivere .

I mass-media e i centri di potere economico e scientifico ricordano che siamo su l’orlo di una catastrofe globale ecologica, puntando l’indice su l’unico responsabile : l’uomo. Alcuni uomini tra ricercatori, scienziati, esploratori , uomini di cultura lanciano un monito! “Salviamo la Terra dalla distruzione ma anche dalla manipolazione politica dei “nuovi” eco-capitalisti.”Con questo pensiero noi dell’Ex-Plora Nunaat International non intendiamo dare sentenze sul futuro dell’Umanità, ma altresì di stimolare la mente dei popoli della Terra per mezzo di un interscambio culturale il “ pensiero libero”, attraverso gesti semplici, come donare una pietra; tale sasso potrà essere spedito dall’altra parte del mondo, ma la sua individualità geologica rimarrà per “sempre” intatta.

Per questi e per tanti altri motivi di legame inscindibile con la nostra Madre Terra, il giorno 8 luglio c.m., sarà riproposto il Progetto “Pietre e Popoli” in collaborazione con l’Interamnia World Cup, saliremo per il quarto anno consecutivo sulla vetta orientale del Corno Grande (2903 mt slm) per depositare le pietre donateci da vari rappresentanti dei popoli e la pietra della vetta della Montagna “senza nome” prelevata in Groenlandia Orientale, durante la spedizione scientifico – alpinistica “ Saxum”( Autori: Davide Peluzzi e Gianluca Frinchillucci) interagendo con il Progetto “Carta dei Popoli Artici” ideato dal Direttore dell’Istituto Geografico Polare S.Zavatti Gianluca Frinchillucci. Ebbene sì il progetto Saxum dal nome latino “sasso” come Terra Madre, come Meteorite,come Montagna Simbolo…fino sul Gran Sasso D’Italia, propaggine meridionale artica europea; da “testimone”potrà raccontare una piccola storia dell’Umanità, attraverso lo studio dei popoli che abitano le terre dei “Monti viventi."

Davide Peluzzi

Pietre 2010

Pietre 2010
Pietre e Popoli 2010 - consegna della "Pietra" della Nuova Caledonia

Corso di Arrampicata Sportiva e Alpinismo - Maurizio Felici Ex-Plora Nunaat International

Corso di Arrampicata Sportiva e Alpinismo - Maurizio Felici Ex-Plora Nunaat International
Novità Canyoning sul Gran Sasso D'Italia


KARAKORUM - PAKISTAN FOTO MAURIZIO FELICI. BALTORO "NELLE TERRE ESTREME"..IL LEPARDO DELLE NEVI Il leopardo delle nevi (Panthera uncia)[1], anche detto irbis, è un felide che vive nell'Asia centrale. Nonostante venga chiamato "leopardo", esso in realtà non lo è. Più strettamente legato alla tigre (Panthera tigris) la cui divergenza evolutiva è avvenuta oltre 2 milioni di anni fa è stato solo di recente inserito nel genere Panthera, di cui fanno parte anche la tigre, il leone, il giaguaro ed il leopardo. Prima infatti si era ritenuto appartenesse al genere Uncia, di cui era l'unico rappresentante. Sono state classificate due sottospecie distinte di leopardo delle nevi (McCarthy et al. 2003), ma un'analisi genetica approfondita non è ancora stata fatta.[2] La sua attitudine a vivere in luoghi remoti e poco accessibili ne ha reso difficile lo studio, infatti le prime notizie attendibili sulla sua ecologia sono arrivate dalla metà degli anni '70. I

Il LIbro Saxum Expedition "In the Ice of Ammassalik"

Il LIbro Saxum Expedition "In the Ice of Ammassalik"
In Memoria di Franco Varrassi . Tu sulle Montagne di Tuono. Il LIBRO, puoi averlo, cliccando sulla foto.

Dati meteo Saxum Expedition 2008

Dati meteo Saxum Expedition 2008
Rilevati in Groenlandia orientale

Convegno all'AUDITORIUM del CeSi dell 'Università di Chieti

Convegno all'AUDITORIUM del CeSi dell 'Università di Chieti
03 NOV 2010 CONVEGNO: COINVOLGIMENTO DELLA SOCIETÀ CIVILE E DI ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE OPERANTI NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO Chieti, 03 Novembre 2010 ore 09:00 - Sala Convegni Ce.S.I. - Fondazione Università G. d’Annunzio. Coordinato dal Prof. Renato Mariani Costantini , tra relatori in foto :Davide Peluzzi e Gianluca Frinchillucci

Campioni di Roccia - Saxum 2008

Campioni di Roccia - Saxum 2008
Campioni analizzati dal Prof.Gianluca Iezzi e collaboratori

Sezioni dei campioni di roccia - Saxum 2008

Sezioni dei campioni di roccia - Saxum 2008
Informazioni dettagliate sul libro "In the Ice of Ammassalik" (click photo)

Ermes Experiment

Ermes Experiment
Collaborazione tra la Earth Mater Expedition ( Davide Peluzzi) e l'Esperimento ERMES ( Wolfango Plastino).Il programma ERMES è stato approvato dal Consiglio Scientifico dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso (2004), del Boulby Underground Laboratory-UK (2006) ed è in fase di approvazione presso il Laboratorio Subterraneo de Canfranc (SP). Inoltre, le attività di ricerca di ERMES sono all’interno del programma MUR-FIRB: AIRPLANE (Advancing Interdisciplinary Research PLAtform on volcanoes aNd Earthquakes) - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Le attività di ricerca con l’International Atomic Energy Agency (United Nations) – Isotope Hydrology Laboratory sono incluse nel programma Water Resources Programme.

Conferenza Università di Chieti : "Uomo - Ambiente - Ricerca

Conferenza Università di Chieti : "Uomo - Ambiente - Ricerca
Da dx: Luca Natali,Italo Rodomonti, Lirim Alija, Spoto Giuseppe,Franco Varrassi,Giorgio Marinelli,Diana Galassi,Davide Peluzzi,Gianluca Iezzi,Bruno Di Sabatino, Libero Limoncelli.

Extreme Mountain the World :Gasherbrum IV

Extreme Mountain the World :Gasherbrum IV
il gran problema del Gasherbrum IV, invece, è stato risolto il 6 agosto 1958 – mezzo secolo fa - da Walter Bonatti e Carlo Mauri. photo Maurizio Felici

Traversata Sud-Nord del Ghiacciaio Vatnajokull -Iceland - Orfeo Expedition 2002


Islanda 2002

La passione, lo sgomento e la felicità per quello che è definito wilderness, si percepisce dentro se stessi.

Sicuramente l’Islanda, terra incontaminata è il luogo ideale per provare tali sensazioni, dal ricordo fanciullesco e leggendario che stimola la mente e prende forma, azione, in quello che è chiamato: es-plorazione.

La traversata del Vatnajokull è stata programmata durante le fredde serate invernali trascorse davanti ad un buon bicchiere di birra.

Io e Adriano Lolli, abbiamo deciso di essere lì, nel bel mezzo del ghiacciaio più grande d’Europa (8300 Kmq).


Senza alcun aiuto esterno, per avere la possibilità di “perdersi”, ritrovando se stessi.

In quelle distese di ghiaccio, il ricordo di un filo d’erba sembra essere un pensiero prezioso e lontano, come in un sogno.

Il colore dominante è il bianco…..

Nella precedente avventura del 2000, avevamo fatto un primo tentativo di esplorare l’interno del ghiacciaio Vatnajokull, salendo per una nuova via sull’Oraefajokull 2119slm , la montagna più alta d’Islanda. (Airone Ott. 2001) . . .

Un mondo in apparenza sterile, gelido, ma nello stesso tempo bollente.

La spedizione “Orfeo”, oltre all’aspetto esplorativo alpinistico, si è aggiunto quello della ricerca scientifica, il prelievo di microrganismi acquatici in ambienti estremi, per conto dell’Università degli Studi dell’Aquila.

La ricerca scientifica è stata guidata dalla Dott. Diana Galassi, , la sua ricerca, ha messo in risalto il gran valore dello studio di tali organismi, in relazione all’ ecosistema mondiale .

Cercando la vita, dove gli elementi naturali sembrano volerla negare……

Partiamo, così arrivati a Keflavik, caricando la nostra jeep fino all’inverosimile, con sci, bob, viveri per 20 giorni e tutto il materiale alpinistico; ci dirigiamo verso i monti meridionali del grande ghiacciaio, alla ricerca della nostra “Euridice”.

Intanto piove.

Dopo aver oltrepassato Vik, la mole del Vatnajokull, domina nel vero senso della parola l’ambiente circostante, pinnacoli di basalto, fiumi vorticosi, sconfinate lingue glaciali con più di 10 km d’ampiezza e sulla riva del mare un’infinità di volatili.

L’orgoglio e la paura di “competere” con tali spazi selvaggi, sollecitava la nostra fantasia, conoscendo ben poco quelle enormi distese bianche.

Un mondo sterile, in apparenza, gelido, ventoso e nello stesso tempo bollente, con i suoi vulcani posti al di sotto del ghiacciaio.

Personalmente, con l’Islanda e il Vatnajokull, ho un rapporto legato ai tempi adolescenziali, quando fantasticavo leggendo le avventure esplorative del vichingo Erik il Rosso.

I primi esploratori di quelle terre a nord.

Pensavo, con un po’ d’invidia, a quegli uomini che per primi approdarono su questa terra incognita, così misteriosa per noi uomini moderni, figuriamoci per loro, che più di mille anni fa la visitarono.

Chissà quante emozioni provarono. Ormai perse per sempre. Gioia, paura, silenzi…

Nel mio intimo, mi sono immedesimato in quegli uomini….

Li immagino, distrutti dalla fatica del lungo viaggio, affamati, l’incognita del ritorno…e con un’immensa felicità che li ha avvolti in quella suprema “solitudine

Terra di ghiaccio: Iceland- Vatnajokull.

Guardando quelle imponenti lingue glaciali, provavo le stesse emozioni, infatti eravamo isolati e nessuno era a conoscenza della posizione del nostro itinerario alpinistico.

Arrivati alla morena del ghiacciaio Skalafeljokull (80 m slm), posizioniamo il nostro primo campo base e preleviamo il campione d’acqua glaciale per la ricerca scientifica dell’Università.

Piove ancora, alla temperatura di 4° C.

Il giorno seguente, ci arrampichiamo trascinandoci dietro slitta e attrezzatura varia, alla quota di 900 m slm.

Trainare la slitta è più faticoso di quanto avessi pensato, un peso statico, che ci crea problemi quando ci troviamo davanti agli enormi crepacci.

Nella zona centrale del Vatnajokull s’incontrano fratture lunghe km, con uno spessore di 800 m.; per progredire bisogna superarli saltando con leggerezza, tecnica e velocità, nei punti più stretti. Queste difficoltà insolite nei ghiacciai alpini, mi fanno scoprire una nuova dimensione dell’avventura, un mondo estraneo.

Secondo campo base a quota 1300 m slm.

Durante la notte la temperatura scende di molti gradi con l’aiuto di un forte vento da nord (dia. Bandiera), la temperatura scende a – 5° C.

Dormire era difficoltoso a causa del forte vento, ma finalmente ci liberava dalle nuvole e dalla nebbia (dia nulla)

.Il giorno seguente il sole splendeva alto nel cielo.

Colori, silenzi, interrotti da fruscii e urla dei venti, lì nel mezzo del Vatnajokull a circa 70 Km dalla costa e dalla strada carrozzabile. Non eravamo soli, la luce ci irradiava, proiettando le nostre ombre che ci facevano compagnia, animate da una propria individualità.

Non più schiave del nostro corpo, libere e indipendenti.(dia tenda)

Smontiamo nuovamente la tenda, il vento forte da nord non ci lascia mai, ci dirigiamo verso il Kverfioll.

Tornano i grossi ammassi nuvolosi.

I panorami mozzafiato scompaiono di nuovo….nel “nulla”.

Il vento da nord ci soffia in faccia per tutta la giornata, rallentando la progressione.

Percepiamo dei tremori provenienti dal ghiacciaio, lì dove tutto è pianeggiante.

Con sgomento pensiamo a ciò che è al di sotto di noi, ed è tremendamente pericoloso: i vulcani attivi sottostanti.(Jokullaup).

Dopo 8 ore di marcia montiamo la tenda, nevica, prepariamo un pasto caldo.

L’interno della tenda in quel momento era il paradiso sopra l’apocalisse.

I tremori continuano per tutta la corta notte islandese, pensiamo che nel 1998, ci fu l’ultimo Jokullaup (esplosione del vulcano sottostante il ghiacciaio).

Un inferno d’acqua bollente e ghiaccio.

I pensieri e un vento fortissimo, che darà non pochi problemi alla nostra tenda, ma passiamo comunque la notte.

Il giorno seguente, il tempo non migliora e siamo completamente immersi nella nebbia, il vento si placa e continua a nevicare.

Siamo in due, lì, ospiti di un mondo ostile per l’essere umano. Nel frattempo preleviamo altri campioni d’acqua e ghiaccio sperando di trovare qualche microrganismo per la Prof. Galassi.

La nostra mente ormai era uscita dagli schemi tradizionali del mondo “civilizzato”, erano i nostri istinti primordiali di sopravvivenza, che regolavano le nostre ore.

Il mondo dei ghiacci era diventata la nostra “casa”. Ci sembrava di essere vissuti da sempre in quei posti.(dia)

In lontananza avvistiamo il Kverfioll (1900 m slm) la nostra meta.

Sensazioni primordiali, che innalzano la percezione del sentirsi vivi, apprezzandone ogni piccola sfumatura.

“ Vedi, io vivo nel regno dei sogni; la montagna mi introduce nel regno della realtà. Di fronte alla vita e alla morte, si dimostra a se stessi la propria sincerità”. Gary Hamming

Davide Peluzzi

Vatnajokull - Traversata

Vatnajokull - Traversata
Davide Peluzzi e Adriano Lolli - Tragitto della traversata del Vatnajokul

..guardando il Kverfioll - "Orfeo Expedition"

..guardando il Kverfioll - "Orfeo Expedition"
Davide Peluzzi - photo Adriano Lolli

Spedizione "Orfeo"

Spedizione "Orfeo"
photo Davide Peluzzi - Campo 1- La Tenda- Vatnajokull Traversata Sud-Nord Nord-Sud

Campionamenti nei villaggi della Groenlandia orientale - Spedizione Saxum 2008. Ricerche della Prof. Donata Luiselli del Università di Bologna.

L'Uomo e l'Universo

L’uomo, nel corso della sua storia, spinto dalla sua sete di conoscenza, si è inoltrato nelle silenziose immensità del Polo Artico; un luogo dalle strane luci del cielo, meravigliosi e solitari panorami, visioni che portano sgomento e stupore nell’animo, simili al fascino dell’esplorazione umana dell’Universo…."

Davide Peluzzi n

"Ove la Pietra è figlia della Luce.."

"Ove la Pietra è figlia della Luce.."
Ittoqqortoormiit / Scoresbysund) , ESPLORAZIONE DELLE CIME DEL LIVERPOOLAND. 2006

Premio Gianluca Frinchillucci

Premio Gianluca Frinchillucci
Premiazione al Festival Internazionale del Cinema Naturalistico e Ambientale a Tortoreto Lido (Te).Il Premio Divulgatore Scientifico è stato assegnato quest'anno a Gianluca Frinchillucci, direttore dal 1999 al 2008 dell’Istituto Geografico Polare “Silvio Zavatti” e dei Musei Scientifici di Fermo; il Premio Natura&Ambiente va a Lucrezia De Domizio Durini da quarantanni protagonista nel campo della cultura internazionale, ideatrice insieme grande artista tedesco Joseph Beyus dell’operazione Difesa della Natura, iniziativa a salvaguardia dell’ambiente; il Premio alla Carriera sarà infine conferito ad Alessandro Griffini, Presidente della IAMS - International Association for Media in Science.Conduttori Lidia Di Blasio e Osvaldo Bevilacqua . Photo di Davide Peluzzi

Somalia - Puntland

Somalia - Puntland
Anche l’Abruzzo partecipa alla Rinascita delle relazioni Italo-Somale, grazie al contributo dell’ Ex-plora Nunaat International È stato firmato giovedì 13 maggio 2010 un accordo storico nei locali del Somali Studies Center della Puntland State University, tra l’organizzazione marchigiana Perigeo International e le autorità politiche e culturali somale. Anche l’Abruzzo era formalmente presente agli incontri e alle attività svolte grazie all’associazione Ex-plora Nunaat Intarnational, che da anni collabora con la Perigeo International in progetti per il recupero delle tradizioni culturali in varie aree del pianeta. Dai tempi della medaglia del presidente della Repubblica per la spedizione Saxum – 2008 nella Groenlandia orientale, queste due associazioni non profit impegnate nel campo dell’esplorazione, della ricerca e della solidarietà internazionale hanno sempre portato avanti iniziative condivise e sono cresciute insieme al punto da gestire oggi un canale telematico ad esse dedicato: l’Ex-Plora Channel della Leip tv. In questa delicata realtà del Corno d’Africa hanno raggiunto idealmente insieme un risultato storico: per la prima volta nella storia del Puntland, infatti, nasce un ufficio per recuperare le relazioni tra Italia e Somalia e il primo nucleo di un Museo Etnografico che lavorerà per salvare il patrimonio culturale somalo. “Quello tra l’Italia e la Somalia è un rapporto fortissimo che ha radici storiche profonde. Noi pensiamo e anche voi dovete pensare che l’Italia e la Somalia sono paesi amici e che il vero amico si riconosce nel momento del bisogno” come ha dichiarato il Vicepresidente del Puntland, Abdisamed Ali Shire. Il Presidente del Parlamento del Puntland, Abdirashid Mohamed Hersi ha aggiunto che “La rinascita del legame tra i nostri due popoli e i nostri due paesi potrà essere un grande sollievo per il cuore ferito della Somalia”. “Aspettavamo da anni la possibilità di riallacciare rapporti e relazioni con amministrazioni italiane interessate a gemellaggi e collaborazioni con le nostre qui in Somalia” ha affermato il Governatore della Regione del Mudug, Ahmed Ali Salad, che ha affidato all’associazione Perigeo il compito di fare da portavoce a questa ferma volontà. Il Sindaco di Galkayo, Abdurahman Mohamud Haji, ha aggiunto: “La presenza dell’ufficio della Perigeo in città è un ottimo punto di partenza per la creazione di legami duraturi tra le nostre realtà, anche a livello locale. Abbiamo bisogno di sentirci vicini ai nostri fratelli italiani e di trovare canali che favoriscano la conoscenza reciproca in maniera diretta e capillare”. La missione italiana è stata composta da Gianluca Frinchillucci, direttore della Perigeo e dalla Responsabile dei Progetti dell’organizzazione Laura Bacalini. Il progetto della Perigeo, cui fin dalla sua creazione partecipa l’Ex-plora Nunaat Intarnational, è denominato Musei senza frontiere ed è già attivo nella città di Kofale in Etiopia (nell’Oromya) e con tre centri in fase di realizzazione in altre aree del paese. “Musei come ponti di pace tra popoli e culture, piccole operazioni di Peacemaking. Recuperare e salvare il patrimonio culturale è fondamentale per il futuro di un popolo”, come ha dichiarato Gianluca Frinchillucci, ideatore del progetto. L’idea è stata promossa dal Prof. Mohamed Jama, rettore della Puntland State Unversity di Galkayo: “Dopo tanti anni di assenza sulla scena Somala si presenta l’opportunità per l’Italia di essere presente insieme alle altre nazioni per dare un contributo alla ricostruzione della Somalia, contributo che può essere determinante nel riallacciare le storiche relazioni tra i due popoli. Ringrazio l’associazione Perigeo per questo importante sforzo e l’Associazione Ex-plora Nunaat International per il supporto che ha dato.” Il Puntland è una realtà che in Italia e in Europa non possiamo ignorare e che spesso viene descritta in maniera non chiara dai media internazionali, dando l’idea di totale assenza di potere politico. Invece ci sono vari livelli di amministrazione che gestiscono affari sociali e politici, che non vogliono staccarsi dalla Somalia ma piuttosto proporsi come modello federale, nel bene dell’intero paese. “Nel Puntland la sanità ha urgente bisogno di aiuto e sostegno da parte della comunità internazionale. Qui c’è un medico ogni 40.000 abitanti e abbiamo il problema dei campi profughi e abbiamo bisogno di medici volontari”, come ha dichiarato alla Perigeo Ali Abdullahi Warsame, Ministro della sanità. “Noi crediamo che nel Puntland rinascerà la speranza della Somalia - come ha dichiarato Laura Bacalini - e noi italiani abbiamo il dovere morale di aiutare e appoggiare progetti di sviluppo e di pace in Somalia”. La sede in Somalia segue di poco quella aperta in Nepal lo scorso Marzo e dedicata a Giuseppe Tucci, continuando l’opera di apertura verso il mondo come ambasciatori di pace e dialogo. “Il richiamo dell’ignoto ci spinge all’esplorazione e ad intraprendere imprese avventurose che ci hanno portato dai deserti di ghiaccio della regione artica ai deserti di fuoco del bush africano – dice il Presidente dell’Ex-plora Nunaat International, Davide Peluzzi - ma la volontà di aiutare popoli in condizioni di necessità ci porta dove le realtà sono più conflittuali e complicate. L’ufficio in Somalia è la nostra presenza tangibile al fianco del popolo Somalo e l’espressione concreta della nostra vicinanza alla loro lotta per la rinascita.” Per ulteriori informazioni: Email: Prof. Mohamed Jama Rettore Puntland State University-Glk, Waran Building Galkayo, Mudug Region Puntland, Somalia (cell. +252-90-795005) Dott. Gianluca Frinchillucci Associazione Perigeo International Via Quasimodo, 5 62012 Civitanova Marche (MC) – Italia (cell. +39-3348434719) Davide Peluzzi Presidente Ass. Ex-plora Nunaat International Responsabile Perigeo International Abruzzo Via Risorgimento, 54, 64043, Montorio al Vomano (Te) Cell.347-4439287

99 Alpiniste

99 Alpiniste
99 Alpiniste sul Gran Sasso D'Italia..per L'Aquila. Info click photo :CAI L'Aquila .Un Grazie a Gloria Camerati e il suo corpo di ballo, per aver concesso l'utilizzo fotografico dei loro corpi, per la Rinascita Aquilana e di tutto il territorio del Gran Sasso. photo Davide Peluzzi

Libero Limoncelli, Davide Peluzzi, Chandra Bahdur Gurung dal Gran Sasso d'Italia versus Nepal

Convegno all'Ara Pacis - Il Filo d'Arianna

Convegno all'Ara Pacis - Il Filo d'Arianna

In Vetta ..Pietra Olimpica di Sestriere 2008 consegnata da Gabriella Massa

In Vetta ..Pietra Olimpica di Sestriere 2008 consegnata da Gabriella Massa
IPY 2007-2008 East Greenland - photo Davide Peluzzi


L? Ex-Plora in collaborazione Festival internazionale del Cinema Naturalistico ed Ambientale presentano, presso l'Hotel Miramonti di Celio Parise, l'appuntamento ai Prati di Tivo (Te) sul Gran Sasso d'Italia il giorno 12 Agosto alle ore 20,00 la Conferenza - Dibattito: "Nelle Terre Estreme: le Guide Alpine e il Soccorso" relatori Maurizio Felici, Gino Perini, Agostino Cittadini, Lino D'Angelo, con la partecipazione del Senatore Paolo Tanccredi e l'Assessore Regionale Gian Donato Morra e Davide Peluzzi ( coordinatore ). Importante tema dall'alto valore sociale - civile del ruolo delle Guide Alpine nel soccorso alle vittime dei terremoti, agli incidenti in luoghi estremi, quali le montagne degli Appennini, delle Alpi alle Ande.. Invito a tutti i socii e Amici della Perigeo-Ex-Plora.

Lino e Maurizio

Lino e Maurizio
Amici :le Guide Alpine Lino D'Angelo e Maurizio Felici - photo Davide Peluzzi

Paldor peak HIMALAYA

Paldor peak HIMALAYA

Monti Ignoti

Monti Ignoti
Franco Varrassi